"44 volte Cin Cin"

Aggiornamento: 29 ago 2020



Ebbene si, compio gli anni ed inesorabilmente mi avventuro sempre più nella mezza età. Detta così è davvero brutta però, è la verità: non sono più ne una teenager e nemmeno un giovane donna. Sono una donna matura e consapevole dei miei anni .

Paura del tempo che passa? No, non eccessivamente; solo mi disturba quella ruga d'espressione sulla fronte che mi pare un innesto dell'autostrada del sole.

Paura del corpo in decadenza? Perchè prima avevo forse un corpo da pin-up? Non mi pare proprio.

I capelli bianchi ? Ho più buchetti di cellulite che capelli bianchi, quindi sto a posto ( e comunque viva le tinte !)

Insomma c'è qualcosa che mi spaventa o infastidisce di questi nuovissimi 44 anni ? ASSOLUTAMENTE NO. Prenderò qualche accortezza in più e via, verso il mio destino! Sicuramente mi curerò di più, concedendomi un pochino di sano egoismo e di attenzioni ed ho stilato un personalissimo elenco di cose da ricordare nei mesi a venire per far si di vivere bene la mia vita ad ogni età; dateci un occhio, magari può esservi utile!

PUNTO UNO Dare la giusta importanza alle cose.

accettare i giorni no, i fallimenti e le frustrazioni . Per ogni giorno no ci sarà sicuramente un giorno si, magari anche due!

PUNTO DUE Dormire adeguatamente

Perdere ore di sonno equivale ad avere borse occhiaie e pelle spenta. A trent'anni basta un cucchiaio gelido posto sotto l'occhio per ravvivare lo sguardo, dopo i quaranta invece nemmeno la fata turchina ed i suoi miracoli sarebbero in grado di aiutarci

PUNTO TRE Rivedere il look.

So che mi pentirò di quello che sto per dire ma accantonerò le sneakers (soprattutto se iper colorate) . Lo so, lo so , ci si sta comode e sono belle ma il problema è che a quarantaquattro anni un paio di sneakers multicolor sta alla mezza età come gli stivali con le frange in spiaggia : fanno un po' ridere. La butterò sulla comodità sostituendole con delle ballerine o delle parigine ( sempre attuali e altrettanto comode) .

PUNTO QUATTRO Darci un taglio

Non significa passare da una chioma folta ad un caschetto vertiginoso ( che peraltro starebbe bene solo alla Carrà ) ma solo dare una sistemata ai capelli al fine di risultare sempre curate. Io mi sono fatta la frangia e momentaneamente ho risolto il problema della famosa ruga sulla fronte nascondendola con i capelli.

PUNTO CINQUE Me cala la palpebra

Mi devo rassegnare, dopo i quaranta le palpebre vanno inesorabilmente verso il basso quindi, via eye liner, matite nere, kajal e qualsiasi cosa appesantisca l'occhio. Attenzione anche ai bianchi perlati , sottolineano ogni difetto dell'occhio.

PUNTO SEI Non scordarsi mai di chi siamo

Cercare di sembrare qualcun altro (soprattutto cercare di sembrare molto più giovani) avrà presto un effetto boomerang!

Io continuerò ad essere la stessa, ormai mi sono affezionata alla solita me e poi, ho appena imparato a conoscermi, ad auto-controllarmi,ad apprezzarmi, figuriamoci se a quarantaquattro anni mi metto a conoscere e gestire una nuova me. Sono talmente pigra e mi piaccio abbastanza da tenermi così!

Questi sono i sei punti fondamentali che voglio assolutamente tenere a mente per vivere meglio il prossimo futuro.

Quindi care amiche il 31 agosto festeggerò fiera il mio quarantaquattresimo e festeggerò ognuno di questi 44 anni passati perchè, tra alti e bassi, tutto sommato la mia vita va benissimo così.


PS. Tornando al punto cinque vorrei fare un inciso: dopo i quaranta non cala solo la palpebra, ma anche tutto il resto. La gravità diventa la nostra peggior nemica. Rassegnamoci e brindiamoci su!





96 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti